Paragliding World Cup Romania.Task 5.

Task 5.

Le previsioni per oggi danno instabilità moderata.
It is forecasted to be more unstable than yesterday, with higher risk of thunderstorm, in the afternoon.
The wind are predicted be light, from N and the local breezes will predominate.
The temperatures are predicted to reach 35 degrees in the afternoon, UV index 10. The pressure same as yesterday, 1016hPa.
Viene assegnato un tema di gara che, dopo lo start in prossimità del decollo, ci porta fuori verso la pianura passando prima sulle colline a Ovest poi una andata e ritorno a zig-zag nella piana prima della End of Speed Section e del Goal nell’ormai collaudato atterraggio in mezzi alla pianura, per complessivi 59km.
Vista la situazione meteo l’apertura dello start viene anticipato alla 1300. 
Appena decollato le condizioni sono subito generose e si sale subito fino a 2600m.
Dietro il decollo si è già sviluppato un contesto che in poco tempo degenera. In piana è ancora tutto aperto e la maggior parte dei piloti si spostano li dove le ascendenze sono comunque buone. 
Per radio il direttore di gara chiese ai piloti di riportare le condizioni e la maggior parte dei piloti comunicano Level 2 ma con qualche preoccupazione per Lola situazione che si sta generando sulle creste più alte a Sud.
Quando mancano 20 minuti all’aperto dello Start la gara viene stoppata e quindi la task cancellata.
Io ho continuato a volare perché le consizioni mi sembravano ancora sicure soprattutto in pianura, facendo parte del percorso di gara e provando nuovamente l’acceleratore a tutta. Benché l’orecchia sinistra non si chiudeva più la sentivo leggermente scarica rispetto alla destra così sono tornato verso il decollo per fare top landing e togliere qualche altro cm di rincalzo sulla A3. Fatta loperazi sono decollato nuovamente e verificato che adesso la vela sembra finalmente funzionare bene.
Intorno alle 14.30 sono atterrato e dopo circa un’ora e mezza si è alzato il vento ed ha inzi a piovere.
Al centro operativo ci sono state molte polemiche sulla prematura decisione della direzione di gara di fermare la task quando le condizioni erano ancora sicure per il volo. Probabilmente volevano recuperare il grossolano errore del giorno precedente in cui avevano fermato la gara troppo tardi quando c’erano già dei fulmini. Di fatto sono passati da un eccesso all’altro.
Per domani le previsioni danno ancora maggiore instabilità pertanto è verosimile che questa Coppa del Mondo su chiude con solo 4 task valide, Joachim Oberhauser meritatamente vincitore e gli altri componenti del Team Italia con l’amaro in bocca per ciò che sarebbe potuto essere e non è stato.