Sistema di punteggio FTV

Fino ad ora, nelle competizioni ove erano previsti gli scarti, ogni pilota manteneva valide le task in cui il proprio punteggio era più alto. Nel caso in cui nel corso della competizione si fossero disputate task con bassa qualità, e quindi con massimo punteggio inferiore, con ogni probabilità ogni pilota scartava queste prove a prescindere dal proprio risultato.

Il sistema di punteggio FTV (Fixed Total Validity) vuole appunto permettere ad ogni pilota di utilizzare le proprie migliori task, scartando le proprie peggiori prestazioni, e quindi dando nuovi stimoli a competere al massimo delle proprie capacità, anche nelle prove di qualità bassa.

Il sistema si basa su due concetti nuovi: migliore prestazione del pilota, e qualità totale della competizione.

In fondo ad ogni classifica trovate una tabella con le statistiche della prova. A noi interessa la validità totale (Task Validity). Normalmente una task normale, ossia con distanza maggiore della nominal distance, e di durata superiore al nominal time, ha validità 1. Task in cui per condizioni meteo avverse si decide di stare sotto la distanza nominale, avranno qualità inferiore.

Nell’esempio riportato nella tabella
tab.11la competizione ha 5 prove di cui solo 2 di qualità 1, una con qualità 0.98 quindi probabilmente era di poco più corta della distanza nominale, e le altre due evidentemente si sono disputate in condizioni meteo avverse.

 

tab.13Per calcolare la qualità della mia prestazione, e quindi mettere in ordine le prove del pilota in base ha come ha volato, divido il punteggio per la validità della prova. Questo equivale a misurare la prestazione rispetto al massimo possibile in quella giornata.

Nello schema dei 5 piloti, il numero 3 è quello ad aver ottenuto il massimo punteggio nella Task 4, di validità 0.42, ed è quella quindi la sua migliore prova benché il punteggio (400) sia inferiore agli altri suoi risultati.
tab.12

Il risultato di questo calcolo serve solo ad ordinare per ogni pilota le prove in ordine di prestazione, e non viene in alcun modo utilizzato per il proprio punteggio. Quindi ricapitolando:
tab.16il pilota 3 avrà come migliore task la 4 (punteggio 400), poi la 3 (500), ed a seguire 1, 2 e 5 (sempre 500 punti).

Passiamo alla validità totale della competizione: dobbiamo fissare la percentuale della validità totale disponibile che vogliamo mantenere; in soldoni, quante task avremmo scartato utilizzando il sistema di punteggio tradizionale. In PWC Superfinal si utilizza il 75% della validità totale, il che significa, per semplificare, che se ogni prova ha qualità 1 o comunque identica, si scarta una prova ogni 4 disputate.
Nell’esempio invece utilizzano il 67%, e la qualità totale della competizione è 4.15; quindi, noi manteniamo 4.15 x 0.67 = 2.77.
tab.11

 

Ora viene la parte più complicata: ogni pilota, del proprio punteggio totale, terrà solo una parte corrispondente a qualità 2.77. Prendiamo sempre il pilota numero 3. tab.21
Le task sono ordinate in base alla sua prestazione, ognuna con la qualità della prova. Andremo ad aggiungere in tabella ogni punteggio, sottraendo dalla validità totale disponibile al pilota, la qualità della prova corrispondente. Dopo tre risultati aggiunti, rimane 0.62 di validità disponibile, ed il quarto risultato è stato ottenuto in una prova di qualità 1, per cui ne potrò utilizzare solo una porzione (0.62/1).
Alla fine del calcolo il pilota 3 totalizza 1710 punti, utilizzando 3 prove ed una porzione della quarta sue migliore prestazione.

Come vedete, chi ha volato meglio nelle prove di qualità maggiore, e quindi di punteggio più alto, utilizzerà meno risultati poiché arriverà più velocemente alla validità totale disponibile (2.77). Prendiamo ad esempio il pilota 5, le proprie migliori prestazioni le ha ottenute nelle prove 1, 2 e 5, ossia quelle con qualità più alta. Alla fine utilizzerà quindi solo 2 prove più una porzione della terza.tab.23

Il sistema FTV è complesso, nessuno lo può negare, ma ha molteplici vantaggi, il principale dei quali è aumentare la sportività di ogni prova: con questo punteggio, difficilmente i piloti durante le prove con qualità bassa, andranno ad atterrare comodamente abbassando ulteriormente il punteggio a chi invece sta svolgendo il percorso, poiché anche se in valore assoluto il punteggio ottenuto in queste prove è basso, se risulta una delle tue migliori prove, ti permette di utilizzare quel punteggio togliendo poca validità dal totale e quindi utilizzando un numero di prove maggiore (o una maggiore porzione di esse) rispetto agli altri.

Quindi riassumendo, con questo sistema di punteggio, ancor di più rispetto agli altri, si deve sempre volare al massimo delle proprie capacità. Se la validità totale decisa per la competizione è inferiore al 100%, si può anche cercare di vincere la prova anche prendendosi dei rischi (essendoci gli scarti), ed è proprio questo tipo di pilota che la PWCA intende premiare.

Per maggiori informazioni ed esempi, consulta il documento ufficiale PWC.